Bonus centri estivi per l’estate 2020

Nell’ottica di fornire un sostegno concreto nei confronti di quei genitori, che, vista la permanente chiusura degli istituti scolastici, hanno grandi difficoltà nel conciliare il rientro sul luogo di lavoro con la gestione dei propri figli, sia il Governo che la Regione Lazio hanno previsto iniziative di aiuto a tal fine.

Con Il decreto-legge 34/2020 c.d. “Rilancio” è stato innalzato il bonus baby-sitter dell’Inps, da 600 a 1.200 euro, ed è stata prevista la possibilità di utilizzare questo “voucher” anche per far frequentare i centri estivi 2020 ai bambini.

Il Bonus Inps Centri Estivi 2020 è usufruibile dai dipendenti del settore privato, dai lavoratori autonomi iscritti all’Inps e alle casse professionali e quelli iscritti alla Gestione separata dell’Inps, oltre che da categorie professionali specifiche come gli operatori sanitari (per cui il bonus arriva a 2.000 euro) e il personale delle forze dell’ordine.

requisiti per il Bonus Centri Estivi 2020 sono i seguenti:

  • Il bambino deve avere meno di 12 anni (ma si può chiedere per tutti i figli purché sotto questa età e per una cifra complessiva non superiore ai 1.200 euro)
  • Nessun limite di età per figli disabili iscritti a scuola o ospitati in centri diurni.
  • Non bisogna aver già usufruito del bonus baby sitter previsto dal decreto emanato a marzo 2020, il cd “Cura Italia”.

La richiesta del bonus baby-sitter – centri estivi 2020 deve essere effettuata sul sito dell’INPS.

Anche la Regione Lazio ha predisposto un piano di aiuti per infanzia adolescenti e famiglie, tra cui la disponibilità di un voucher, di valore fisso in relazione all’età dei figli per la partecipazione a centri estivi, attività ludico-ricreative e attività educative organizzate in contesti formali e informali.

Il voucher verrà erogato sulla base di priorità di accesso basate su condizioni lavorative, di reddito e di carichi familiari.

Il periodo di erogazione parte dal mese di giugno 2020 fino al mese di settembre 2020.

I voucher saranno assegnati a seguito di domanda, per l’iscrizione ai centri estivi (e attività simili) fino ad esaurimento risorse e il loro importo varia in base all’età:

  • per la fascia 0-3 anni, il contributo è di 800 euro (solo in questo caso, valido anche per il servizio di baby-sitting e cumulabile, eventualmente, con l’analogo bonus governativo);
  • per la fascia 4-5, è di 500 euro;
  • per la fascia 6-11 è di 400 euro; per i ragazzi dai 12 ai 14 anni è di 300 euro.
  • Per gli adolescenti tra i 15 e i 19 anni il sussidio ammonta a 200 euro per attività di socializzazione e ricreazione, promozione della cultura o iniziative all’aria aperta, sportive, e simili.

Per bambini e adolescenti con disabilità la Regione riconosce alle famiglie il costo aggiuntivo del servizio per l’operatore di supporto: sono previsti, infatti, 700 euro in più rispetto al voucher spettante per la specifica fascia di età.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.